REFERENDUM 2020 - COME SI VOTA?

Pubblicata il 10/09/2020

Per tale consultazione l’elettore, all’atto della votazione, riceverà una scheda sulla quale è riportata la denominazione ed il quesito referendario così come pubblicati in Gazzetta ufficiale (Serie n. 240 del 12 ottobre 2019) relativamente al Decreto del Presidente della Repubblica del del 17 luglio 2020.

Ciascun elettore ha diritto di esprimere il voto tracciando, con la matita copiativa, un segno sul riquadro corrispondente alla risposta da lui prescelta ("SI" o "NO").
Pertanto l'elettore traccerà un segno sulla scritta "SI" se ritiene che debba entrare in vigore la legge costituzionale che riduce il numero dei parlamentari, mentre traccerà un segno sulla scritta "NO" se invece vorrà respingerla, ovvero se ritiene che il numero dei parlamentari debba rimanere invariato.

Secondo la più recente giurisprudenza, l’elettore che si rende conto di aver  sbagliato nel votare può chiedere al presidente del seggio di sostituire la scheda  stessa, potendo esprimere nuovamente il proprio voto. A tal fine, il presidente gli  consegnerà una nuova scheda, inserendo quella sostituita tra le schede deteriorate.

Dopo aver espresso il voto, l'elettore deve ripiegare la scheda secondo le linee lasciate dalla precedente piegatura e provvedere ad inserirla direttamente nella corrispondente urna (ai sensi dell’art.1 del decreto-legge n.103/2020).

Video tutorial con le istruzioni e le modalità di voto per il Referendum del 20 e 21 Settembre 2020: https://www.youtube.com/watch?v=LW1O0UX1FOk&feature=youtu.be

I modelli FAC-SIMILE della scheda di consultazione referendaria costituzionale relativa a questo referendum:

Fac-Simile della SCHEDA per il referendum costituzionale - parte INTERNA
Fac-Simile della SCHEDA per il referendum costituzionale - parte INTERNA

Fac-Simile della SCHEDA per il referendum costituzionale - parte ESTERNA
Fac-Simile della SCHEDA per il referendum costituzionale - parte ESTERNA

Ulteriori informazioni possono essere reperite sull'apposito sito del Ministero dell'Interno, nel quale si possono trovare anche informazioni e dati su altre consultazioni referendarie.

 


Facebook Twitter
torna all'inizio del contenuto